<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Blog Inbound Marketing Italia

Inbound Marketing 2017: pronti per essere al TOP?

Autore: Sara Finotto

13/12/16 9.36

inbound2017.jpg

È da più di due anni che l’Inbound Marketing ci accompagna e possiamo dire che le sorprese non sono mai finite, soprattutto per questa metodologia in costante evoluzione che, come il vino, migliora invecchiando. Ora c’è esperienza, ci sono case history nuove, c’è sempre più campo d’azione dato che gli utenti si stanno spostando sul web quindi è arrivato il momento di capire quali sono le novità del 2017 per creare una strategia irresistibile, per una partenza d’anno con il botto.
#1 Il tuo sito deve essere mobile, segna sulla tua agenda la parola “Responsivo”

sito_responsivo.jpg

Si era parlato del mobilegeddon lo scorso Aprile quando sembrava che Google premiasse, in navigazione da mobile, solo i siti responsivi ma poi tutto è stato messo a tacere fino a quando a novembre Gary Illyes di Google ha annunciato che l’azienda procederà alla separazione dell’indice dei risultati di ricerca, distinguendoli tra la versione mobile e quella da desktop. L’indice per la versione mobile del motore di ricerca sarà aggiornato costantemente rispetto all’altro ma ci sarà un altro parametro a determinare il successo di un sito rispetto ad un altro, stavolta entra in campo la reattività del sito web.

#2 Come dicono a Masterchef, una “rivisitazione” dei tuoi contenuti migliora il tuo posizionamento online.

contenuti-freschi.jpg

La tua macchina per partire ha bisogno di carburante -a meno che tu non abbia una Tesla- stessa cosa per il tuo sito web che deve avere il giusto combustibile per funzionare e in questo caso quello che ti serve sono i contenuti. Scrivere contenuti è importante, l’abbiamo ripetuto per 365 giorni ma siamo testardi e te lo ripetiamo nuovamente. I contenuti, l’avere un blog, ti permettono di posizionarti su Google con post studiati nel minimo dettaglio per attirare nuovi clienti. Quello che puoi fare quest’anno, è prendere il lavoro fatto negli ultimi tempi e sistemarlo perché anche se l’anno nuovo è alle porte non dobbiamo lasciarci alle spalle tutto il lavoro fatto, qualcosa deve essere salvato quindi controlla quali sono le tue keyword più buone che ultimamente non lavorano più come prima e dagli una rinfrescata.

Initially, a web page can be given a “freshness” score based on its inception date, which decays over time. This freshness score may boost a piece of content for certain search queries, but degrades as the content becomes older. The inception date is often when Google first becomes aware of the document, such as when Googlebot first indexes a document or discovers a link to it. (Cyrus Shepard – Moz.com)

#3 Rimetti in forma il tuo sito dopo le feste con un po’ di sana “ottimizzazione”

ottimizzazione.jpg

Il tuo sito ha delle potenzialità ma non si applica, non ci sono contenuti utili per attirare visite, non ci sono landing page per migliorare la conversione e non c’è nessun workflow per convertire il contatto in cliente.
Toc toc, è meglio darsi una mossa per iniziare ad avere successo online. Basta un po’ d’impegno per riuscire a creare contenuti ottimizzati per aumentare le visite e generare nuove lead. Devi aprire un blog, ottimizzare ogni articolo con title, meta description, h1, url e alt text in linea con la parola chiave per cui vuoi posizionarti ed il gioco è fatto. Per chi l’ha già fatto ci sono altre soluzioni per migliorare le conversioni come inserire delle CTA testuali anche all’interno del testo del blog post oppure inserendo degli exit pop-up per intercettare in ogni caso almeno la mail di chi ha visitato il tuo sito web.

#4 Squadra vincente non si cambia. Ok, però meglio che studi l’Inbound Marketing.

team.jpg

Se pensi che per scrivere due contenuti basti affidarli al tirocinante di turno sbagli. Servono persone qualificate che conoscano bene l’argomento e che sappiano come strutturare un articolo in ottica Inbound per riuscire a portare il contatto a compiere un’azione. Ebbene sì, i tuoi articoli dovranno avere al proprio interno un invito all’azione quindi se già l’hai fatto costruisci nuovi contenuti da associare alle CTA. Questa piccola parentesi per dirti che le persone del tuo team dovranno avere una formazione di Inbound se vuoi avere successo. Un buon team che si rispetti per avere successo deve conoscere a fondo la metodologia e, molto spesso è importante avere almeno uno o più copywriter che si dedicano alla cura dei contenuti aziendali (post, contenuti come ebook, guide, pagine web). Il tuo team di marketing deve lasciare a riposo le vecchie tecniche outbound per passare a quelle online con l’Inbound.

#5 Fatti un regalo, trova un buon Video Maker e tienitelo stretto.

video_maker.jpg

Non farne un’ossessione alla Gollum o Smeagle per gli amici con il suo “Tesssoro”, ma sappi che avere o trovare un video maker in grado di fare ottimi video è una benedizione. Anche se molte persone non lo sanno, c'è una tattica di conversione che molte aziende stanno iniziando ad utilizzare per aumentare i tassi di conversione: i Video Esplicativi. Sono video brevi e divertenti che raccontano in modo conciso la storia di una società, i prodotti o i servizi offerti, cercando di attirare l’attenzione dell’utente. Possono essere claymation (animazioni con l’argilla), disegnati a mano, o disegni digitali, e forniscono alle aziende un modo per trasmettere in maniera semplice ed efficace quanto valgono.

Ad esempio Rypple (da poco cambiata in work.com) è una piattaforma di proprietà di Salesforce che ha recentemente aggiunto un video esplicativo sulla propria home page e ha aumento i tassi di conversione del 20%. Circa il 30% dei visitatori della pagina hanno guardato il video, e il 50% lo ha guardato fino alla fine. Dropbox è un'altra startup che ha approfittato dell'efficacia dei video esplicativi limitando la propria homepage ad un singolo video, aumentando il tasso di conversione della pagina di oltre il 10%, con oltre 750.000 visualizzazioni in un solo mese, e diverse migliaia di nuove registrazioni ogni giorno.

#6 Marketing fai da te? Ahi ahi ahi! Per avere successo online ti servono 2 cose: l’Inbound Marketing e HubSpot.

two.jpg

Se stai già mettendo in pratica la metodologia Inbound va bene, però, diciamocelo chiaro e tondo, la combo perfetta è Inbound + HubSpot, c’è poco da fare, ci sono coppie che non si possono separare come le patatine e la maionese. Hubspot ti aiuta a:

  • Semplificare la strategia e risparmiare tempo
  • Valutare le performance in tempo reale
  • Impostare con facilità i tuoi obiettivi aziendali
  • Attirare traffico qualificato grazie ad una facile selezione delle keyword
  • Convertire il traffico in lead qualificate
  • Chiudere il maggior numero di vendite grazie ai workflow personalizzati
  • Deliziare i clienti per mantenere attivo il processo di fidelizzazione
  • Testare, misurare e agire prontamente per migliorare la strategia
  • Creare in automatico il tuo sito web responsivo
  • Integrare i software migliori in circolazione senza alcuna difficoltà

Potremmo stare qui ore e ore a parlare di HubSpot ma ci ha già pensato Cecilia in questo articolo quindi non mi dilungherò oltre.

#7 Guardati attorno e scopri quali sono le migliori risorse online per saperne di più sull’Inbound.
Ok, è il tuo giorno fortunato, è da più di due anni che scriviamo contenuti sull’Inbound quindi un po’ ci sappiamo fare ma, ultimamente, con la nostra guida Inbound abbiamo esagerato perché al suo interno trovi tutta la metodologia completa. Più di 5470 hanno scaricato la guida, ora tocca a te.

clicca-scarica-guida-inbound

Topics: Inbound Marketing



Com’è la Tua Strategia Online? 

Book_mockup__analisi

RICHIEDI L'ANALISI GRATUITA DEL TUO SITO WEB  

Dal nostro blog

Notizie e approfondimenti su inbound marketing, ecommerce, enterprise content management, app, realtà aumentata e cataloghi digitali

Registrati ai nostri aggiornamenti!