<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

11 marzo 2015

Aumentare Visite Sito Web con l’Ottimizzazione dei Contenuti

Sara Finotto

contenuti_ottimizzazione_sito_webTutti vogliono aumentare le visite al sito web. Non tutti sanno che l'ottimizzazione dei contenuti è un alleato speciale in questa missione! L’arrivo dell’Inbound Marketing ha completamente stravolto le oramai passate dinamiche dell’Outbound in cui i marketer erano concentrati a preparare contenuti che andassero poi divulgati in massa. Se dobbiamo dare 3 aggettivi a questa tecnica i più appropriati sono: costosa, pericolosa e vaga.

Questa tecnica è oramai sorpassata perché un contenuto non può andare bene per tutti, il tuo messaggio è come un vestito può calzare bene a qualcuno ed essere completamente indossabile ad un altro.

Questa introduzione mi serve per farti capire che se hai realizzato il tuo sito web pensando che i tuoi contenuti possano essere una “taglia unica” forse ti interesserà leggere come rimediare al malanno. Pensa che il 74% dei consumatori online dichiara di essere frustrato quando si ritrova all’interno di un sito web che non contiene niente di suo interesse per questo motivo la prima cosa da fare prima di iniziare a scrivere qualsiasi contenuto è definire il buyer personas.

#1 Se hai un sito multilingua personalizza ogni singolo contenuto

Prendiamo come primo esempio un ecommerce; non ti basterà tradurre la descrizione di ogni prodotto, dovrai fare attenzione ai particolari come quello dell’indicazione della valuta del prezzo perché se mi connetto dall’Italia sarebbe molto più immediato per me fare l’acquisto se vedo il prezzo in Euro € al contrario se la visualizzazione fosse in $ Dollari dovrei uscire dalla pagina del browser, aprire una nuova scheda e cercare un convertitore online per capirne il costo effettivo.

Aumentare visite sito web, il caso della P&G per la promozione di uno dei prodotti di punta: Mr Muscolo. Per il sito web Tedesco, Inglese e Messicano ha deciso di personalizzare tutti i contenuti di tutte le pagine nella lingua del visitatore. Questa mossa può sembrare folle ma è essenziale per dare al visitatore un contenuto appropriato, in questo caso possiamo dire che la P&G ha fatto un lavoro sartoriale di classe.

mastro_lindo_multilingua

#2 Personalizza il sito per tipologia di Device, quello Desktop è XXL su mobile

Oltre alla personalizzazione dei contenuti pensa alla loro visualizzazione. Perché devi farlo? Se ti sei impegnato per dare ai tuoi visitatori un contenuto ben fatto devi fare in modo che quando arriva sul tuo sito da qualsiasi dispositivo riesca a visualizzare tutto al meglio, devi creare un sito responsive. Cercare informazioni su un sito che non è progettato per la navigazione da mobile è molto frustrante e più aumenta la frustrazione del visitatore maggiore sarà la percentuale di bounce rate su Google Analytics. 

example_responsive_starbucks

#3 Non basta creare un solo contenuto devi offrire più scelta per l'ottimizzazione dei contenuti

Se vuoi fare un lavoro veramente impeccabile devi concentrarti, focalizzati sui tuoi buyer personas e per ciascuno devi definisci quelli che sono i suoi obiettivi e le sue sfide, in questo modo puoi capire come aiutarlo. Accade come nella vita reale, se qualcuno ci da un consiglio utile molto probabilmente quando cercheremo altre informazioni ci ricorderemo di questo caro amico e andremo direttamente da lui. Ricapitolando ora ti trovi ad aver identificato il buyer personas, hai scoperto per ognuno quali sono i bisogni e ora arriva il bello. A questo punto devi basarti su un ulteriore concetto; quello del Buyer’s Journey che si compone di 3 stage: Awareness, Consideration e Decision. 

definizione_buyers_journey

Awareness: Nella fase di consapevolezza, i potenziali clienti stanno scoprendo il loro bisogno o il loro problema e quindi sono impegnati a trovare la soluzione. In questo caso si affidano alla rete per cercare informazioni e quindi è molto importante scrivere contenuti adatti a questi utenti che hanno capito che hanno un problema ma non riescono ancora a identificarne la causa.

Consideration: Nella fase di considerazione ti il tuo buyer personas è riuscito ad identificare il problema ed è alla ricerca di una soluzione e quindi cerca in rete: guide, blog post, ebook, checklist e altro materiale che può tornargli utile.

Decision: In fase di decisione il tuo potenziale cliente ha deciso quale metodo utilizzare, a questo punto la mossa più azzeccata è quella di inserire all’interno del sito case studies, demo o schede di comparazione.

Inoltre, qui trovi un approfondimento su come aumentare le vendite con il tuo sito web aziendale con oltre 30 risorse gratuite selezionate, che parlano di come migliorare o realizzare un sito ottimizzato per generare vendite e richieste di preventivo.

Questo è solo un piccolo assaggio, abbiamo preparato per te una guida gratuita che riassume tutta la strategia dell’Inbound Marketing quindi non perdere tempo, scaricala subito!

New Call-to-action

Topics: Inbound Marketing, Strategie Inbound Marketing, Content Marketing, SEO



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.