<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

09 febbraio 2017

Lead generation: come aumentare le conversioni del sito

Cecilia Secco

Lead generation: come aumentare le conversioni del sito

Ottimizzare il sito per aumentarne le conversioni è uno degli obiettivi principali delle campagne marketing per i nostri clienti. Anche se la strategia di inbound marketing funziona in tutti i settori, ci sono delle sfumature che possono veramente fare la differenza sui risultati finali. Noi usiamo almeno 4 modi per aumentare le conversioni e migliorare la lead generation. E tu quali stai già usando?

NB. Tutto quello che leggerai in questo post è stato fatto con HubSpot, il software di marketing automation enterprise numero 1 al mondo. Se non ne hai mai sentito parlare, qui ti spieghiamo cosa è e cosa è in grado di fare.

 

A/B test

È impossibile sapere a priori quali siano tutti i migliori passaggi e elementi da inserire all’interno di una strategia di marketing online, per mille motivi. Testare e analizzare i risultati è sempre la scelta migliore per riuscire a capire come ragionano e cosa preferiscono gli utenti a cui ti vuoi rivolgere (i tuoi buyer persona).

Per questo in HubSpot esiste la possibilità di creare dei test A/B su pagine, Landing page e email e capire quale sia la versione che performa meglio.

Funziona così: sei indeciso se sia meglio fare una Landing page puntando sul benefit a o sul benefit b? non sai cosa preferiscano i tuoi potenziali clienti e cosa potrebbe spingerli all’acquisto? Ottimo, allora crea due pagine simili e con testi diversi, promuovile per un certo periodo di tempo con un tool che mostra agli utenti in maniera randomica la prima o la seconda versione e che analizza le performance. Alla fine, metti online quella che ha riscosso più risultati.

Lead generation come aumentare le conversioni del sito 1.png

 

Smart Content

Tutti sanno che la comunicazione non può essere flat, uguale per tutti. Ogni tuo potenziale cliente ha infatti bisogni diversi dagli altri.

Un esempio molto semplice: se la tua azienda vende caldaie per i privati e per le aziende, non potrai scrivere nelle pagine “la miglior caldaia per la tua casa” perché non sarebbe un testo adatto agli imprenditori.

Il fatto che i testi, le immagini e la struttura delle pagine non siano adatti a un certo potenziale cliente, influisce (molto) negativamente sulle performance del tuo sito. Secondo le statistiche di HubSpot, i contenuti personalizzati performano il 42% in più! Non poco, eh?

Cosa potresti fare per migliorare allora? Creare pagine personalizzate, in modo che ognuno veda quello a cui è realmente interessato. Con HubSpot ad esempio puoi personalizzare i contenuti in base a:

  1. Lo Stato in cui si connette l’utente (Italia, Svizzera, Russia, …)
  2. Il tipo di device utilizzato (mobile, tablet o desktop)
  3. La fonte grazie alla quale è arrivato sul tuo sito (Google, social media, email, …)
  4. Il tipo di lingua preferita
  5. Il compimento di determinate azioni sul sito (visita di una pagina, click di una CTA, apertura di un’email, …)
  6. Stadio nel buyer’s journey (awareness, consideration, decision)

Esempio: le persone che visitano per la prima volta il sito vedono questo testo sulla homepage

Lead generation come aumentare le conversioni del sito 2.png

Chi invece ha già compilato una form e ci ha detto il proprio nome, vedrà un titolo diverso:

 Lead generation come aumentare le conversioni del sito 3.png

 

Smart Forms

Più domande ci sono in una form e più è difficile che una persona la compili. Ma lo scopo dell’inbound è conoscere sempre meglio i contatti che si convertono sul sito, per poterli poi nutrire con email adatte ai loro interessi e ai loro bisogni e aumentare il numero di conversioni future e quindi di clienti.

HubSpot ha inventato quindi le SMART form, cioè delle form in cui:

  1. I campi già compilati precedentemente risultano nelle form successive già precompilati, in modo che per i visitatori risulti più semplice riempire tutti i campi.
  2. Nuovi campi compaiono al posto di alcune delle informazioni già inserite nelle form precedenti, per evitare di chiedere più volte la stessa cosa e aumentare il numero di domande senza che il contatto si trovi davanti un modulo lunghissimo. Questa tecnica viene chiamata anche profilazione progressiva.

 Ad esempio, se il contatto ci ha già detto il suo nome, il cognome e l’azienda in cui lavora, solo per lui nella form successiva scompariranno questi campi e compariranno le richieste del numero di dipendenti e i dettagli.

Lead generation come aumentare le conversioni del sito 4.png

 

Pop Up

Hai fatto tutto quello che potevi per migliorare una Landing Page ma vorresti aumentare ancora di più il numero di conversioni? Potresti aggiungere un pop up che compare se l’utente cerca di uscire dalla tua pagina. Proponi un’offerta diversa e lascia che la possano scaricare chiedendo meno informazioni.

Questa tecnica ti permette di aumentare in maniera super facile il numero di contatti del tuo database convertendo leads che altrimenti avresti perso (probabilmente per sempre, visto che il 90% degli utenti visita il tuo sito web una volta sola).

Funzionano? Noi abbiamo visto un aumento dell’8% dei contatti convertiti solo aggiungendo una miniguida in una landing page collegata ad una campagna PPC, in modo da non perdere il budget speso per il click sull’ADV.

popup.gif

Vuoi sapere qual è il ROI dell’inbound con HubSpot, utilizzando tutti questi trucchetti per aumentare le conversioni delle leads e trovare più clienti per la tua azienda? Scarica la guida gratuita e scoprirai quanto puoi aumentare il fatturato della tua azienda.

Inbound Marketing ROI con HubSpot

 

Topics: Strategie Inbound Marketing, Conversion Rate Optimization



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.