<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

07 febbraio 2020

Consulente Seo e Seo consultant: guida alle 6+1 cose da chiedere

Roberta Paulon

problema-seo

Di cosa si occupa un consulente Seo o Seo consultant? Una competente consulenza Seo è importante per qualsiasi azienda che voglia avere un sito ottimizzato per Google. L’ottimizzazione per la search engine optimization è una priorità per impostare correttamente una strategia digitale efficace. Il punto è capire se chi ti sta realizzando il sito internet sia effettivamente un esperto Seo in grado di ottimizzare le tue pagine in modo che il tuo prodotto o servizio venga trovato tra i primi risultati dei motori di ricerca quando serve. Accade spesso che la realizzazione del sito, la scrittura dei contenuti e l’ottimizzazione SEO, purtroppo, viaggino su binari paralleli quando invece sono interconnessi.

Perché avere un consulente Seo è tanto importante?

Premessa dovuta: l’ottimizzazione delle pagine web - e in particolare la Seo applicata ai testi detta Seo on page - può risultare argomento indigeribile perché richiede un compromesso tra bellezza della scrittura e  accorgimenti tecnici per rendere gradevole la lettura ai robot di Google, i quali non sono (per ora, a dire il vero) programmati per godere della stessa varietà espressiva degli umani.

Per questo voglio darti la motivazione che ti porterà in fondo a questo blog post.

La seo è importante perché rafforza la visibilità online del tuo sito e migliora anche l’esperienza dei tuoi clienti perché ti troveranno subito. L’ottimizzazione è il pilastro di una strategia di comunicazione clientecentrica in pieno spirito Inbound.

Quando i tuoi clienti potenziali cercheranno qualcosa che risolva un loro problema o che permetta loro di raggiungere un obiettivo, troveranno i tuoi contenuti lì, sotto i loro occhio, pronti ad aiutarli. In questo modo potrai informarli correttamente e anche influenzarne le scelte d’acquisto.

È questo che vuoi, no?

 

Quali sono gli elementi fondamentali della SEO on page

 

La SEO è fatta di molti aspetti, tecnici e di contenuto, tra i quali ci sono:

  • Fattori legati al dominio
  • Fattori a livello di pagina
  • Site map
  • Backlink
  • User Experience
  • Regole dell’algoritmo Google
  • Fattori legati ai contenuti

Solo per essere all’altezza dell’algoritmo di Google, ci sono oltre 200 parametri da rispettare, molti dei quali richiedono competenze trasversali.

Ecco perché se hai un sito perfetto dal punto di vista tecnico ma senza contenuti ottimizzati, o viceversa, il risultato sarà deludente.

 

Come fare per capire se il tuo Seo consultant ti sta vendendo aria fritta?

Nonostante la complessità, puoi prendere in considerazione alcuni fattori influenti che, sui contenuti, fanno la differenza.

Ci sono 6 parametri che riguardano la Seo on page che, su tutti, hanno un peso “critico” sul posizionamento delle pagine su Google.

Sono determinanti perché fanno capire non solo al lettore, ma anche a Google, di che cosa parla ogni singola pagina.

  1. Title
  2. H1
  3. Meta description
  4. Url
  5. Alt Text
  6. Keyword Density all’interno del contenuto

 

Tecniche_SEO_per_ottimizzare_i_tuoi_blog_post_title_page

Title e H1

Spesso vengono confusi perché nella lingua italiana entrambi sono traducibili con la parola “titolo”, ma c’è differenza tra Title e H1 (Header 1). Il title è un elemento di codice che identifica la pagina. È un tag HTML che non influisce nella navigazione della pagina perché non compare a video (se non sulla scheda del browser).

Il titolo H1 è un titolo a tutti gli effetti, un elemento di formattazione del testo che fa capire sia al lettore che a Google l’argomento principale della pagina.

Meta description

Anche questo testo non compare nell’area di navigazione. È il testo di “anteprima” visibile dalla pagina dei risultati di Google.

Tecniche_SEO_per_ottimizzare_i_tuoi_blog_post_meta_description

Url

L’url o Uniform Resource Locator è la sequenza che identifica una pagina, potremmo definirla il “codice fiscale” delle pagine perché ogni pagina ha un url unico. O almeno così dovrebbe essere. Quindi, per capire se il tuo sito è ottimizzato bene, controlla di non avere url duplicate e che queste contengano la parola chiave con la quale vuoi essere posizionato.

Alt text

Anche le immagini vanno ottimizzate? Certo! Controlla, con una ricerca per immagini, se le tue pagine compaiono. Se non è così, ti stai perdendo un’opportunità importante: controlla l’Alt Text o Alt Attribute. A volte non è sufficiente nominare correttamente le foto prima di inserirle sull’editor del cms.

Keyword Density

Per density si intende il numero giusto di volte in cui la parola chiave principale “deve” comparire all’interno del contenuto della pagina. Le centinaia di articoli che trovi online ti dicono che non esiste un “numero perfetto”, la verità è un’altra: esiste una percentuale di “densità” in proporzione al numero di parole del tuo testo che l’algoritmo di Google giudica coerente con il linguaggio naturale. Mi spiego meglio: dal momento che l’algoritmo vuole dare agli utenti risultati coerenti e corretti, cerca di capirlo attraverso una “lettura” matematica della tua pagina e presume che se tratti il tema “Inbound Marketing” la stessa parola compaia all’interno del contenuto alcune volte.

D’altro canto, per la regola che “il troppo storpia”, non bisogna esagerare per evitare di ricadere nello “stuffing”, terminologia che indica l’eccesso di keyword. Google negli ultimi anni si è fatto furbo in fatto di linguaggio naturale.

E con questo concetto di “furbizia” mi aggancio all’ultimo importante indice di ottimizzazione: la semantica.

Aggiornamento SEO: indicizzazione semantica latente

La semantica ha a che vedere con il significato delle parole e con l’evoluzione dell’algoritmo, Google Bert ha iniziato a posizionare risultati anche se non sono esattamente identici alla ricerca. È più facile intuirlo con un esempio: con l’introduzione di Bert, Google capisce che “scarpe da corsa” e “sneakers” o “scarpe per il running” sono sinonimi e che pur essendo chiavi di ricerca diverse vengono digitate da persone con identico intento.

In ottica SEO, si tratta di utilizzare sinonimi e termini correlati all’interno del tuo testo, in aggiunta alla keyword principale, per aggiungere rilevanza all’argomento principale della pagina.

Hai bisogno di approfondire meglio? Ecco qui la guida alla SEO con ulteriori approfondimenti e aggiornamenti: all'interno ci sono le tecniche più aggiornate per organizzare le pagine nel modo giusto, come piace a Google. 

Clicca qui sotto per avere subito la tua copia gratis.

New call-to-action

Topics: SEO



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.