<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

30 agosto 2016

Come Pubblicizzare un Sito Web Aziendale?

Sara Finotto

pubblicizzare-sito-web-aziendale.png

Avere un sito web aziendale e un’identità digitale oggi è molto importante e lo sanno bene le aziende che si ritrovano a curare tutti gli aspetti legati alla comunicazione online, partendo dal sito web. Fino a pochi anni fa ci si limitava a costruire un sito “Vetrina” con sezioni ben definite come: prodotti, chi siamo, mission e contatti.

Questa predisposizione oggi non è sufficiente se vuoi che il tuo sito abbia successo, devi curarlo costantemente e, per riuscire in questa missione, ti serve un blog. Questa sezione ti permette di scrivere articoli che parlano dei tuoi prodotti ma non solo, potrai parlare soprattutto dei benefici legati al prodotto.

Molto spesso ci dimentichiamo che non tutti siamo pronti a comprare immediatamente un prodotto, dobbiamo capirne caratteristiche e benefici prima di scegliere quello che più fa al caso nostro, quindi la tua “pubblicità” deve partire da lì, dovrai farti notare prima per i benefit che offri e poi per il prodotto che vendi.

Come mettersi in mostra online?

Gli articoli del tuo blog, ottimizzati a livello SEO, ti permettono di pubblicizzare il tuo sito web perché potrebbero arrivare tra i primi risultati di ricerca di Google. Qui hai due strade:

  • Ottimizzare i post a livello SEO per fare pubblicità al tuo sito e ottenere nuove visite gratuitamente

  • Creare annunci pubblicitari a pagamento per attirare potenziali clienti con Adwords o Facebook Ads

Sicuramente più paghi e più riuscirai ad ottenere nuove visite ma, una volta che smetterai di riempire il salvadanaio di Google il tuo successo svanirà.

Stessa cosa vale per i banner pubblicitari e per le inserzioni a pagamento dei Social, fino a quando paghi la tua visibilità è assicurata ma poi siamo punto a capo.

Il nostro consiglio è quello di partire dalla ricerca delle keyword migliori per il tuo target, o meglio per il tuo buyer personas e costruire contenuti ad hoc per intercettarlo. Dopo aver scelto la parola chiave potrai iniziare a costruire i tuoi contenuti e lavorare sull’ottimizzazione SEO.

Gli elementi sui cui devi lavorare per ottimizzare le pagine del tuo blog sono:

  • Title Page
  • Meta Description
  • URL
  • H1
  • Body
  • Alt Text delle immagini


✔ Title Page
È Il titolo del blog post che appare tra i risultati di ricerca di Google. Quando lo scegli fai molta attenzione a quello che scrivi, deve contenere la parola chiave e la sua lunghezza non deve superare i 55 caratteri altrimenti Google lo taglia.


✔ Meta Description
La Meta Description  appare subito sotto al title page nella pagina dei risultati di Google e serve per fornire un breve riassunto della pagina. Il testo deve essere inferiore a 115 caratteri (spazi inclusi) quindi cerca di essere accattivante utilizzando parole d’effetto.


✔ URL della Pagina
Molti CMS ti offrono la possibilità di personalizzare gli URL delle pagine o dei post appena creati. Questo fattore è molto importante perché in questo modo puoi andare ad inserire anche qui una keyword.


✔ Contenuti: Body – H1
La tua pagina sarà composta da un testo che dovrà avere la seguente formattazione: il titolo dovrà essere un H1 e nel paragrafo di testo dovrai ripetere la tua parola chiave. Non dovrai ripetere all’infinito la parola chiave, se stai parlando di frutta di stagione e nel testo parli di mele, pere e banane Google è intelligente e capisce che c’è attinenza.


✔ Alt Text delle immagini
Anche le immagini inserite all’interno della pagina sono importanti, per questo devono essere ottimizzate e per farlo bisogna inserire all’interno del campo “Alt Image” il nome corretto dell’immagine possibilmente accompagnato da una keyword. 


Se hai attivi gli account social puoi condividere gli articoli del blog che hai creato per pubblicizzare il tuo sito web, in questo modo potrai incrementare le visite senza spendere soldi. Se hai già tentato con la strada dell’ottimizzazione ma non hai avuto successo, cerca di posizionare i tuoi articoli in portali di settore che rimandano al tuo sito, in questo modo aumenterà la tua popolarità.


La pubblicità online serve, ma l’advertising non può essere la tua unica strategia per questo devi utilizzare delle altre tecniche
. Se vuoi attirare visite e trasformarle in contatti, usa l’Inbound Marketing. Questa metodologia somma diversi elementi: sito, blog, seo, mail e social per attirare nuovi clienti e si basa principalmente sulla creazione dei contenuti perché se non hai niente da dire non sei poi così interessante, giusto?


Scopri di più sull’Inbound Marketing e scopri come può portare la tua azienda ad avere successo online ottimizzando gli strumenti che già usi per la tua strategia web!
Clicca qui sotto per scaricare la guida gratuita.

scarica la guida inbound

 

Topics: SEO, Advertising



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.