<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

26 marzo 2015

Come Essere Primi su Google Gratis

Cecilia Secco

Come Essere Primi su Google Gratis

Vuoi sapere come essere primo su Google? Anche tu hai un sito web e vorresti sapere come essere primi su Google in modo che tutti possano vedere e conoscere la tua azienda? Bene, qui ci sono delle cose che dovresti sapere. Se non l'hai ancora fatto, ti consiglio di leggere anche La Migliore Guida per arrivare Primi su Google con i Backlink.

1. Non basta essere primo con il nome della tua azienda

Eh no, mi dispiace, ma a meno che tu non abbia un’azienda famosissima con un nome conosciuto in tutta Italia, nessuno scrive il nome della tua azienda su Google. Scriverà il nome della tua azienda solo se la conosce già, ma allora non stai sfruttando le potenzialità della rete!

Prova a pensare a quante volte hai scritto il nome di un’azienda su Google, e quante invece hai scritto una domanda a cui desideravi avere una risposta. Molte di più nel secondo caso, vero?

 

2. Devi posizionarti su Google per parole che riguardano ciò che fai

Ad esempio, a noi di ArchiMedia che facciamo servizi di Inbound Marketing per aziende, interessa posizionarci per parole come “l’inbound marketing conviene”, oppure “cos’è il buyer persona”, “cos’è l’inbound marketing”, etc. La tua azienda che servizi o prodotti propone? 

 

3. Apri un blog

Non un blog personale, in cui scrivere tutto ciò che fai.

Nemmeno un forum, in cui le persone devono effettuare un login per leggere i contenuti.

Apri un blog aziendale, cioè una sezione del tuo sito web in cui parli del tuo lavoro per rispondere alle domande degli utenti della rete. Se vuoi sapere meglio cos’è un blog aziendale e come fare per arrivare primo nei motori di ricerca grazie a questo, leggi Cos’è un blog? Cos’è un blog aziendale?

BLOGAZIENDALE

 

4. Trova le parole che scrivono i tuoi potenziali clienti

Se vuoi che ti trovino, devi sapere cosa loro stanno cercando. Il primo modo per farlo è andare su Google e scrivere le parole chiave per cui hai deciso di posizionarti seguite da ogni lettera dell’alfabeto. Ad esempio noi di ArchiMedia avremmo fatto:

screen-inbound-marketing-a

screen-inbound-marketing-b

screen-inbound-marketing-c

E via dicendo. I suggerimenti che compaiono sono solitamente le parole più cercate dagli utenti. In alternativa ci sono siti come keywordtool.io (che però è molto povero di funzionalità) o software come HubSpot che ti suggeriscono le parole più cercate correlate a quelle che ti interessano. E ti dicono anche quante persone al mese le cercano.

Come-ottimizzare-un-sito-di-creme-suggestion-

 

5. Calcola la difficoltà di ogni parola

Alcune parole sono molto gettonate, altre meno. Per questo, se molte altre aziende competono con te per arrivare nella prima pagina di Google, sarà difficile (se non impossibile a volte) riuscirci. Per sapere se conviene o meno provarci, dovresti avere un tool apposito che ti aiuta a capirlo (o pagare qualcuno che lo sappia fare). Noi abbiamo scelto di utilizzare un tool per spendere meno, che tra l’altro è integrato con il sito e con il blog per cui abbiamo tutti i dati e i file in un'unica piattaforma, e questo semplifica molto il lavoro che dobbiamo fare. Il software è HubSpot e ti riporta la difficoltà di ogni keyword considerando tutte le caratteristiche della concorrenza che devi battere per arrivare primo su Google, in una scala da 1 a 100.

Come-ottimizzare-sito-Arredamento-schema-hubspot

6. Scrivi un articolo per ogni parola

Ora per ogni parola che hai selezionato, puoi scrivere un articolo a cui dedicare un’intera pagina. Questo per fare in modo di cercare di scalare i risultati di Google con una parola alla volta, una pagina alla volta. Prova a dare un occhio ai titoli degli articoli nel nostro blog per capire meglio

 

7. Ottimizza ogni pagina

Hai due opzioni: o impari a conoscere tutti i trucchi SEO per l’ottimizzazione, e rimani al passo con tutti gli aggiornamenti di Google, oppure ti affidi a un software che ti aiuta a farlo. Noi, sempre con HubSpot, possiamo controllare in tempo reale ogni particolare legato alla SEO, per migliorarlo o correggere gli eventuali errori che commettiamo.

seo-view-hubspot-per-post-blog

Vedrai che seguendo questi 7 punti riuscirai ad arrivare primo su Google. Ma non per quello che interessa a te, per quello che cercano le persone! Ed è questa la grande forza di un buon posizionamento. Guarda il video per scoprire i segreti del posizionamento di ArchiMedia e vedere esattamente come abbiamo fatto ad arrivare primi su Google e ottenere migliaia di viiste ogni mese.

New Call-to-action

 

Topics: Blog, SEO



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.