<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

31 gennaio 2020

Esempi Strategie Social Marketing Vincenti

Sonia Carraro

Esempi Strategie Social Marketing Vincenti

Quali sono le Strategie Social Media Marketing Vincenti? Ogni azienda che abbia capito l'importanza dei Social Media per la propria Strategia Digitale si pone questa domanda e si chiede quali siano gli Esempi Vincenti delle aziende che hanno raggiunto il successo. Tutte le attività imprenditoriali, dalla più piccola alla multinazionale, se studiano nel modo corretto le loro Strategie di Social Media Marketing sono in grado di ricavare benefici su: Vendite, Engagement e Visibilità e questi esempi ne sono la testimonianza!

In questo blog post scoprirai:

Sei pronto? Partiamo!

3 Esempi di Strategie Social Media Marketing

 

 

TAFFO: quando il Black Humor diventa popolare

Il dubbio su chi fosse l'illuminato Social Media Manager di Taffo è sorto a chiunque abbia visto un suo post su Facebook o Instagram. Negli ultimi anni l'agenzia di pompe funebri, grazie all'estro e alla creatività del suo Social Media Manager e alla viralità dei suoi post si è conquistata notorietà a livello nazionale ampliando il proprio raggio d'azione anche nella capitale e guadagnandosi il titolo di uno dei migliori brand online nel 2018

Qual è il suo obiettivo? Non certo essere scelta come agenzia funebre da tutti gli italiani. La fama, la nuda e cruda Brand Awarenss, è lo scopo di tutti i post di Taffo; seguire l'onda del Real Time Marketing ed essere presente in tutti i feed con un post in linea con il trend topic in chiave ironica, anche se questo significa toccare spesse volte il tasto del Black Humor.

taffo-funeral-services

Taffo sta diventando un brand che si spinge ben oltre il campo funebre fino ad esplorare il settore musicale e aggiudicarsi il titolo di tormentone estivo.

taffo-funeral-services-canzone

 

CERES: la birra che C'È sempre

Un altro brand sempre in prima linea quando di parla di Real Time Marketing sui Social è Ceres. Che tu sia un amante della birra o no, ti sarà sicuramente capitato di vedere una pubblicità o un post della nota azienda danese. Famosa per lo slogan "Ceres C'è", con la diffusione dei social network ha adeguato e ampliato la sua comunicazione spostandosi anche su queste piattaforme

Qual è il suo obiettivo? Anche qui siamo sulla linea della popolarità e della Brand Awarenss, con la differenza, rispetto al primo caso, che qui il prodotto è più facile (e anche più piacevole) da acquistare. Ceres è riuscita a costruire attorno a sé un nuovo modo di concepire lo stare insieme e l'amicizia, identificandosi come il collante del gruppo e l'elemento che non manca mai. 

ceres

ROADHOUSE: il ristorante virale 

Dalla stessa penna di Taffo escono anche le creatività per Roadhouse la catena di ristoranti numero 1 per l'originalità dei propri contenuti online. Roadhouse ha dovuto affermare il proprio marchio in un mercato bombardato di catene fastfood e battagliarsi con tutti i ristoranti territoriali. Per questo nasce lo slogan: "Il Ristorante che non c'era" che lo identifica come una nuova identità a sé stante rispetto a quello che già esiste e gli permette di lavorare su un nuovo Posizionamento.

Anche online declina la propria Brand Identity abbracciando l'ironia e le creatività meme. Comunicare sui social senza risultare ripetitivi e cadere sul "già visto" non è facile quando si parla di food ecco perchè Roadhouse decide di fare del divertimento e dell'intrattenimento gli obiettivi principali della propria presenza online.  

Qual è il suo obiettivo? La strategia social di Roadhouse è il miglioramento della propria Brand Awareness e accompagnare un messaggio chiaro e originale per i propri clienti. 

roadhouse

3+4 step per realizzare la Migliore Strategia Social

Ecco gli step per seguire le orme di questi brand e adottare anche nella tua azienda delle Strategie Social Media Marketing Vincenti.

1

. Definire gli obiettivi: 

Gli obiettivi della tua Strategia Social possono essere: 

    •  Brand Awareness: il tuo scopo è farti conoscere al pubblico perché il tuo brand è nuovo o non famoso come vorresti o, ancora, operi in un settore con molta concorrenza e vorresti distinguerti dalla massa. Tutti i tuoi potenziali clienti devono sapere chi sei, cosa fai e perché lo fai. Per riuscire nell'obiettivo la strada migliore è costellata di campagne di Social Media Advertising targetizzate sul giusto pubblico.
    • Engagement: vuoi che il pubblico interagisca con i tuoi contenuti e con il tuo brand e se ne innamori fino a diventarne promotore nella propria cerchia di amici e conoscenti. I post che devi pubblicare sono divertenti, coinvolgimenti e seguono l'onda del Real Time Marketing, che non è un mare facile da esplorare e il rischio di prendere un granchio è sempre dietro l'angolo, però vale la pena provarci ogni tanto.
    • Lead Generation: l'obiettivo più remunerativo di tutti. Lo scopo della Lead generation è l'acquisizione di contatti, nominativi che popolano il tuo database e sono pronti a diventare nuovi clienti. I tuoi post devono essere accompagnati da link che mandano a Landing Page con contenuti da scaricare o meccanismi di conversione coinvolgenti.
  •  

Ecco come ottimizzare le tue Landing Page per fare Lead Generation

2. Analisi concorrenza 

Come in ogni azione di Marketing anche la Comunicazione Digitale ha bisogno di una fase di analisi, interna e del mercato esterno, concorrenza compresa. La vera domanda che ti devi porre è: "Conosco davvero i miei competitor?"

Spesso quando chiediamo ai nostri clienti chi sono i loro concorrenti ci rispondono che non ne hanno, il che è impossibile, perchè in quel caso dovrebbero gestire l'intero mercato. I tuoi competitor non sono solo quelli che vendono il tuo stesso prodotto ma tutte le realtà che soddisfano lo stesso bisogno del tuo pubblico

Può un cinema avere come concorrenti un bar, una pizzeria e una discoteca? Sì se il bisogno da soddisfare è "svago e divertimento nel weekend". La prima domanda da porti è: "Che bisogno soddisfo e di chi?" Una volta risposto a questa domanda inizia a mettere giù una lista di tutte le realtà che ti vengono in mente e poi individua le singole aziende del tuo territorio e valuta le loro Strategie Social. Ecco 5 elementi da controllare. 

3. Costruire un Piano Editoriale

Quali sono gli argomenti del tuo settore? Cosa può interessare al mio cliente finale? Definire i contenuti da pubblicare online è un passaggio importante e imprescindibile per evitare di avere una presenza social scollegata e poco chiara. Poi gli orari e i giorni di pubblicazione per essere certi di coinvolgere i giusti utenti e dare una continuità editoriale. 

Che tipo di contenuti pubblicare? La scelta è tra: 

  • Ispirazione: storytelling docet. Non si tratta solo di frasi da Motivational Monday o citazioni di poeti o scrittori. Sforzati di raccontare storie (possibilmente reali) che facciano rimanere i tuoi utenti con gli occhi incollati allo schermo. Come la tua azienda ha superato un momento di difficoltà o immagina le sfide del tuo cliente ideale. Condividere questo tipo di contenuti permette la creazione di un rapporto di fiducia con i tuoi possibili clienti che sono propensi a fidarsi del tuo brand
  • Educazione: come far percepire il valore del tuo prodotto? Il segreto non è dire che è il migliore sul mercato, anzi evita se puoi, offri piuttosto soluzioni e consigli utili a chi dovrà acquistarlo. Parla della lavorazione delle materie prime, valorizza il processo produttivo, l'artigianalità. Comunica le sue proprietà e i benefici che permette di ottenere. L'educazione del proprio pubblico non è scontata ed è utile per aumentare credibilità e autorevolezza del brand e stimolare la curiosità di chi sta leggendo. 
  • Intrattenimento: saper intrattenere non è facile. Il fine è divertire, dare consigli e creare una community di persone che si scambino idee e opinioni attorno al tuo prodotto. Anche in questo caso puoi sbizzarrirti con storie e inediti. Ricordiamoci sempre che chi usa i social lo fa per svago, divertimento, distrarre la propria mente, in questo contesto saper intrattenere e coinvolgere diventa indispensabile se vogliamo mantenere l'attenzione. 

Pro tip: quando condividi dei post testuali sui social ricordati che puoi dare un aspetto grafico anche al tuo testo. Usa simboli, emoji, e formattazioni del testo che catturino l'attenzione e spicchino nel feed dei tuoi seguaci. 

Questi che abbiamo appena visto sono i classici 3 campi da completare in qualsiasi Piano di Comunicazione. Ma c'è molto di più di questo. Le tue Strategie Social possono essere (anzi è preferibile che lo siano) declinate in ottica Inbound.

Perchè?

Perchè scegliere l'Inbound Marketing?

✅ Perchè l'Inbound Marketing costa di meno rispetto all'outbound (almeno di 3 volte); 

✅ Perchè produce risultati migliori poichè va ad intercettare SOLO gli utenti interessati; 

✅ Perchè favorisce la fidelizzazione grazie al dialogo con il pubblico che instaura; 

✅ Perchè permette una profilazione più precisa del target.

Vuoi saperne di più? Vediamo allora gli altri 3 step!  

New Call-to-action

1. Definisci il tuo Buyer Persona

Sia che la tua azienda operi nel mercato B2B o B2C il tuo pubblico è composto da più tipologie di persone. Definisci il tuo Buyer Persona, cioè il tuo cliente ideale, stilando il suo profilo demografico (età, sesso, professione) ma anche hobby, desideri, interessi e comportamenti. Chiediti perché i tuoi prodotti sono la soluzione ideale per lui e quale bisogno soddisfano. 

2. Individua i Migliori Social Network 

Dove sono i tuoi clienti online? Quali social frequentano? Quello che è importante è riuscire a diversificare la condivisione dei contenuti a seconda del social e del pubblico che li leggerà. 

Prendi spunto dal grafico qui sotto per capire quali ambienti digitali frequentano i tuoi clienti a seconda della loro età. 

grafico-2

3. Preferisci Contenuti di Lead Generation

Come abbiamo visto sopra i contenuti di Lead Generation permettono di raggiungere gli obiettivi più interessanti. Offri contenuti contenuti che rispecchino le ricerche dei tuoi clienti e possano risultargli utili nella risoluzioni dei loro bisogni

4. Semplifica con il Marketing Automation e Hubspot

L'automatizzazione dei processi di Marketing oltre a velocizzare tempi in azienda aumenta la profittabilità del tuo business. Hubspotè lo strumento All-in-One più utilizzato per il Marketing Automation in grado di supportare il tuo intero processo di vendita e post vendita. 

Scopri 10 Pregi di Hubspot per fare Inbound Marketing

guida hubspot software automation

Le tue Strategie Social sono parte integrante delle tue azioni di Marketing e i Social Network diventano uno strumento importante per la creazione di Valore. Scopri come sfruttarli ancora meglio nella Guida gratuita Social Network per Aziende. 

New Call-to-action

 

Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.