bg_blog

04 agosto 2022

10 cose da chiedere al tuo Marketing Content Strategist

Roberta Paulon

 
10-cose-da-chiedere-al-tuo-Marketing-Content-Strategist
Perché tutte le aziende vogliono essere presenti su Google?
Perché sempre più aziende fanno investimenti sostanziali nella creazione di contenuti?
I contenuti di qualità e coinvolgenti influiscono sul processo decisionale del pubblico più di qualsiasi altra tecnica. é dimostrato: il rapporto State of Inbound indica che la creazione di contenuti è una priorità assoluta per l'80% dei marketer. In media, il content marketing rappresenta il 26% dei budget di marketing B2B.
Il contenuto aumenta il coinvolgimento del pubblico, sviluppa la presenza del marchio e facilita le vendite.

 

Perché il Content marketing è importante

Il content marketing è importante perché risponde alle domande dei tuoi utenti e aiuta a creare fiducia, sviluppare relazioni, migliorare le conversioni e generare lead. Nell'era odierna, i clienti si aspettano contenuti coerenti e di alta qualità dai loro marchi preferiti.

Una buona strategia di contenuti è estremamente vantaggiosa perché risponde a più obiettivi contemporaneamente:

  • Audience retention
  • Brand awareness e Industry authority
  • Conversions e Lead generation 
  • SERP ranking e Qualified traffic
  • Loyal Brand advocates

Prendere cinque "piccioni" con un blog non è male, ed ecco spiegato il motivo per cui sempre più aziende investono nella creazione di contenuti ottimizzati SEO. Ora parliamo però anche di quali sono le caratteristiche di una buona strategia di contenuti di marketing e di cosa dovresti chiedere al tuo Marketing Content Strategist.

Cosa chiedere al tuo Marketing Content Strategist

Primo comandamento: il tuo Content Strategist non dovrebbe soddisfare le esigenze di comunicazione aziendale, ma assecondare le aspettative dei clienti e quindi creare contenuti di qualità per i tuoi Buyer Personas. Un Content Strategist tiene sempre ben separate la comunicazione aziendale dalla strategia di contenuti social o blog.

Ecco quali sono le 10 cose che puoi chiedere al tuo responsabile dei contenuti:

  1. Aumentare il tempo che gli utenti a target trascorrono sul tuo sito
    Un ottimo contenuto è una risorsa importante. Ha la capacità di creare esperienze positive per i tuoi potenziali clienti e stimolarli a saperne di più. È il tuo biglietto per catturare l'attenzione del tuo pubblico e rafforzare continuamente un'impressione positiva del marchio.

  2. Aumentare l'engagement e suscitare interesse

    Una cosa è creare contenuti "hype" per vantare di avere molti like sui social; altra cosa è pubblicare regolarmente contenuti che possono aiutare le persone. Puoi sfruttare il content marketing a tuo vantaggio con contenuti di qualità che magari andranno meno di moda, saranno meno virali, ma riescono a portare sul tuo sito persone interessate al tuo prodotto o servizio.

    Tieni traccia delle prestazioni delle tue campagne di contenuti utilizzando il software di analisi di HubSpot.

  3. Aumentare la reputazione del tuo brand

    La creazione di contenuti aiuta la tua azienda a costruire una relazione con il tuo pubblico. Puoi rispondere alle domande più frequenti che ti vengono posti attraverso i vari canali. Quando crei valore senza chiedere nulla in cambio è più probabile che il tuo pubblico si fidi dei tuoi consigli e raccomandazioni proprio perché il tuo tono è "informativo".

    In definitiva, quando i tuoi contenuti vengono visualizzati nel posto giusto e al momento giusto con il pubblico giusto, migliorerà la reputazione del tuo marchio. Più contenuti di qualità vedono i clienti, più è probabile che abbiano un'associazione positiva con la tua azienda.

  4. Aumentare le conversioni e generare lead a target

    Il content marketing genera lead a target. Quando il tuo pubblico visualizza i tuoi contenuti hai la possibilità di influenzare le sue scelte d'acquisto. Non dimenticare che ogni pagina deve contenere delle Call To Action che inserite direttamente nei contenuti permettono di generare nuovi contatti. Cosa succede dopo? Ne parliamo qui.

    Lindsay Kolowich, team manager dell'HubSpot Academy Acquisition Content Team, dice che "i contenuti sono un ottimo modo per guidare gli utenti verso una pagina di destinazione. In genere, crei contenuti per fornire ai visitatori informazioni utili e gratuite. Puoi includere CTA ovunque in i tuoi contenuti: come link, come immagine in fondo al post, sul pannello laterale... Più un visitatore è coinvolto dai tuoi contenuti, più è probabile che faccia click".

  5. Aumentare la produzione di contenuti originali

    La pubblicazione regolare di contenuti originali influenza le conversioni di utenti a target e migliora il ranking a livello SEO. I contenuti devono essere originali nel senso che non vanno copiati o duplicati da altri siti, ma devono anche essere originali nel senso di interessanti.

    Per trovare l'ispirazione, prima di scrivere puoi dare un'occhiata a un tool per la keyword research oppure fare una ricerca su Google per scoprire quali sono le domande e le curiosità intorno a un argomento.

  6. Essere più visibile su Google grazie alla SEO

    Più contenuti di alta qualità produci, meglio sarà per il tuo posizionamento SEO.

    I tuoi contenuti aiuteranno la tua azienda a diventare visibile online e creare fiducia perché ogni volta in cui un buyer persona cercherà di raggiungere il suo obiettivo o risolvere un suo problema, tu sarai lì in suo aiuto con un articolo specifico. Con una strategia di contenuti sviluppata sul modello Topic Cluster, gli articoli che pubblichi sul Blog ti aiuteranno a posizionarti in alto sui motori di ricerca.

  7. Guadagnare autorità nel settore / Industry Authority

    Essere riconosciuto come esperto del settore è fondamentale per guadagnare la fiducia del potenziale cliente: attraverso i contenuti riuscirai a dimostrare efficacemente la tua esperienza sul campo.

  8. Aumentare l'effetto Surround Sound

    Con effetto Surround Sound nel marketing si indica il concetto per il quale più spesso qualcuno sente parlare del tuo prodotto/marchio, più è probabile che finisca per acquistarlo. I contenuti sono potenti quando si parla di consapevolezza del brand perché fanno apparire i tuoi contenuti (e per estensione il tuo brand) ovunque i tuoi potenziali clienti stiano cercando qualcosa che ha a che fare con il tuo prodotto o servizio.

  9. Fidelizzare gli utenti creando testimonial
    Per estensione del punto 8 scritto qui sopra, è probabile che tutte le persone che sono entusiaste dei tuoi contenuti e hanno acquistato da te diventino anche sostenitori del marchio , contribuendo a costruire e rafforzare la tua reputazione.

  10. Risparmiare soldi di campagne ADV

    I contenuti hanno un ROI. Non solo perché portano lead, ma anche perché i contenuti ottimizzati ti posizionano sulla SERP gratuitamente senza dover investire in campagne ADV. A che serve pagare Google per arrivare primo per determinate keyword se sei già nelle prime posizioni con risultati organici? Leggi qui Content strategy vs ADV strategy.

 

Quanto costa un Marketing Content Strategist?

I costi iniziali per i contenuti possono sembrare alti. I prezzi per un Marketing Content Strategist vanno da 150 dollari per post a 3.000 dollari a seconda degli argomenti e dei settori (media di mercato elaborata da Hubspot nel 2021); in alternativa si può dedicare una figura interna all'azienda a tempo pieno.

A lungo termine, rispetto alla pubblicità a pagamento e soprattutto rispetto al marketing tradizionale, i contenuti vincono sempre il confronto sulla convenienza economica! Ogni volta che scrivi un post ricorda quanto ti costerebbe pagare Google per posizionarti su ogni singola keyword d'interesse!

 

Non è finita qui: il monitoraggio dei contenuti

Il Marketing Strategist deve anche prendersi la briga di verificare l'andamento dei contenuti, attraverso il monitoraggio del rendimento dei singoli post a seconda degli obiettivi prefissati.

In fase di pianificazione della strategia, prima di iniziare a realizzare i contenuti, è importante darsi degli obiettivi: views, traffico organico, conversioni, tempo in pagina...

Una volta scelte le metriche, avrai un metodo scientifico di valutazione dei contenuti ed, eventualmente, un timone per migliorarli se non funzionano come vorresti.

Monitoraggio contenuti, come ti aiuta Hubspot

Hubspot misura le prestazioni di ogni nuovo contenuto che crei più efficacemente di altri strumenti online. HubSpot Traffic Analytics è una risorsa indispensabile per osservare tutto ciò che succede una volta pubblicato un post: 

  • Andamento giorno per giorno, settimana per settimana o mese per mese...
  • Conversioni e contatti generati
  • Tempo trascorso in pagina dai lettori
  • Contenuti più apprezzati, più visualizzati, più letti o che hanno convertito di più
  • Individua le fonti di traffico/sources e le differenzia, per aiutarti a capire anche quali sono i canali che ti portano più utenti

Ora è arrivato il momento di scoprire cosa Hubspot può fare per il tuo marketing e per la tua azienda.

Scarica subito la guida gratuita.

New Call-to-action

Topics: Content Marketing



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.