<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

11 febbraio 2022

Cos'è lo storytelling e perché funziona nel marketing

Roberta Paulon

storytelling

Va molto di moda, soprattutto nel settore del marketing, questo termine: Storytelling. Spesso viene promosso come strategia di comunicazione web efficace. Che cos’è lo storytelling, perché funziona e come applicarlo nel marketing online? In questo articolo cerchiamo di affrontare il tema in modo approfondito senza seguire l’Hype del momento, per utilizzare con consapevolezza questa potente tecnica di comunicazione.

Storytelling significato, cos’è lo Storytelling

Storytelling cos’è?

Letteralmente, fare storytelling significa narrare: una storia, un avvenimento, un’idea, un’azienda. In sostanza, è una tecnica di comunicazione con precise peculiarità che permette di trasmettere un messaggio in modo estremamente efficace, toccando nel profondo le corde emotive dell’ascoltatore, dello spettatore o del lettore.

Per dare una forma più concreta al concetto di storytelling ho scelto le parole di un docente della Scuola Holden, che è l’Università di storytelling, di narrazione e comunicazione e di arti performative, fondata nel 1994 a Torino e faro dei professionisti della comunicazione in Italia.

Storytelling, definizione della Scuola Holden

Cosa vuol dire Storytelling?

“Storytelling significa raccontare storie, ma anche saper creare e gestire l’universo narrativo in cui quelle storie sono inserite. Non si tratta di tracciare una linea, ma di delineare e abitare uno spazio in cui tutti gli elementi, materiali e immateriali, trovano un loro posto e una loro coerenza. Che sia un racconto intorno al fuoco o la storia di un prodotto o di un’azienda, non fa differenza: una buona narrazione può essere determinante per costruire una comunicazione efficace nella forma, nel contenuto e nell’intensità”.

Storytelling nel marketing

In un mondo in cui siamo immersi, anzi sommersi di messaggi promozionali e bombardati di contenuti commerciali che ci raggiungono ovunque e nelle più svariate forme, i contenuti narrativi si differenziano per la loro capacità di attirare e mantenere l’attenzione delle persone.

Per questo motivo lo storytelling negli ultimi anni è diventato dilagante, anche con l’aiuto della diffusione dei social network e dei media digitali che hanno dato alle persone dei modi nuovi di fruire di contenuti.

Attenzione: i contenuti narrativi non sono finalizzati a comprare un prodotto, per questo non vengono skippati dalle persone. Raccontare un Brand non è un modo creativo per raccontare se stesso, ma un modo per entrare proprio in relazione con il potenziale cliente.

 

A cosa serve lo storytelling nel marketing

Visto che lo scopo del contenuto è attirare l’attenzione delle persone, lo storytelling serve a coinvolgere!

Serve a fare in modo che il potenziale cliente scelga un prodotto o una marca riconoscibile perché ricorda la storia. Ad esempio, una narrazione può portare una persona a scegliere un prodotto non perché è economico ma perché è ecologico.

 

Le storie raccontano, in modo tale che:

  • Il pubblico si possa rispecchiare nei valori del Brand e sceglierlo per il suo impegno (sociale, culturale, ambientale…);
  • Le persone empatizzino con la storia della famiglia che ha fondato un’azienda e riconoscano il valore del prodotto che comprano;
  • I potenziali clienti si sentano capiti nei loro problemi quotidiani o obiettivi che vorrebbero raggiungere;
  • Le persone si divertano, grazie a una parentesi di intrattenimento che spezza la routine serrata;
  • Gli utenti imparino e apprendano informazioni utili da conoscere prima di fare le proprie scelte d’acquisto.

 

Chi utilizza lo storytelling e Quando si usa lo storytelling

Costruire narrazioni è un’attività complessa, molto complessa, perché prima di trovare la giusta narrazione è necessario guardare bene dentro se stessi, dentro l’azienda ma anche dentro le persone che la formano e decifrare quali corde emotive ci mettono in relazione con i potenziali clienti o fruitori dei nostri contenuti.

Traduzione: uno storytelling non si costruisce in cinque minuti dal nulla; servono basi come la vision, la mission, un elemento fortemente differenziante, un “perché” delle cose che facciamo.

La complessità dell’operazione introspettiva è il motivo principale per cui ad arrivare a generare contenuti complessi come uno storytelling sono stati i più grandi Brand internazionali con i loro video pubblicitari.

Storytelling esempi

Ecco due esempi di Storytelling in due video di Brand molto emozionanti:

 

 

Alcune macro-cose che possiamo notare da questi esempi:

  • Non si parla del prodotto, il messaggio è lontanissimo dai toni commerciali,
  • Si parla di valori: famiglia, immaginazione, creatività, tenacia…
  • Le storie ci trasportano nella storia, ci emozionano e ci tengono incollati per vedere come va a finire.

Ora torniamo con i piedi per terra: non tutte le aziende hanno le capacità e i budget per arrivare a realizzare dei video del genere e distribuirli su larga scala, soprattutto se parliamo di PMI. Certo, però, conoscendo le tecniche della narrazione e avendo le idee chiare sull’azienda che siamo o che vorremmo essere, con un po’ di tecnica si può arrivare a costruire uno storytelling aziendale.

Anche perché lo storytelling non ha un format, non prende necessariamente la forma del video: può essere una pagina di un sito, un articolo, una brochure, un libro, un film, un brand manifesto…

Come si costruisce uno storytelling aziendale

La prima cosa da fare è conoscere bene l’universo narrativo che si vuole raccontare, nelle sue complessità; per le aziende in questo passaggio sarà importante individuare i values, vision e mission e il “perché” delle cose che realizza.

Fatto tutto questo, sarà importante individuare il messaggio che si vuole lanciare al pubblico e iniziare a creare la storia.

Come raccontare una storia? La struttura narrativa ha un andamento e delle componenti ben definite: in questo post parliamo proprio del viaggio dell’eroe applicato a un testo “About us” aziendale.

Il viaggio dell’eroe è la struttura narrativa più comune dello storytelling e prevede un viaggio (fisico, nel tempo o interiore) attraverso il quale il protagonista evolverà, troverà compagni di viaggio ma anche difficoltà che ne metteranno alla prova la motivazione e la determinazione: dovrà superare tutte queste difficoltà facendo ricorso alle proprie risorse e ai compagni di viaggio. Infine, il protagonista superando tutte le prove, tornerà profondamente cambiato nel proprio mondo.

Come fare uno storytelling efficace per la tua azienda

  • Perché fate quel che fate? (Trovare il perché)
  • Qual è la vostra storia?
  • Qual è la mission e cosa volete fare per i vostri clienti?
  • Cosa vi ha motivato ad avviare la vostra attività, oltre alla logica economica?
  • Cosa vi contraddistingue rispetto agli altri?
  • Quale caratteristica accomuna i vostri clienti?

 

Per trovare il tuo storytelling aziendale leggi anche questi 5 consigli.

A questo punto ti starai chiedendo: come inserire lo storytelling in una strategia di marketing online?

Una volta che avrai attratto l’attenzione del potenziale cliente grazie ai contenuti, dovrai trovare un metodo perché rimangano anche concentrati sul tuo prodotto o servizio.

Il metodo di marketing digitale che raggiunge più efficacemente questo scopo, proprio perché è incentrato sui contenuti realizzati apposta per il target, è l’Inbound Marketing, i cui quattro pilastri sono: attirare, convertire, chiudere e fidelizzare.

Con i contenuti abbiamo appena iniziato il viaggio: il prossimo step è convertire i fruitori di contenuti in contatti. Scopri come fare nella guida gratuita che trovi qui sotto. Clicca e ricevila via email.

scarica la guida inbound

Topics: Content Marketing



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.