<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Blog Inbound Marketing Italia

Content Marketing: 11 statistiche da restare a bocca aperta

Autore: Roberta Paulon

09/08/18 10.49

https://app.hubspot.com/blog/385456/edit-beta/6006662478/content

Il content marketing è un buon investimento o una totale perdita di tempo? In questo articolo non troverai nessun commento soggettivo, nessuna presa di posizione da parte di esperti inbound, nessun “parlo per esperienza”. In questo articolo ce ne stiamo zitti e facciamo parlare i numeri.

Ogni anno Hubspot, che è il software numero uno al mondo per il marketing, ci dà centinaia di numeri. Nel senso che traccia le analisi di ciò che sta succedendo nel mondo del marketing online e restituisce un quadro dettagliato delle tendenze dei consumatori elaborando statistiche che ci permettono di rimanere sempre "sul pezzo".

Grazie a tutti questi dati le agenzie possano tenere il timone fermo sulla giusta rotta, interpretando i bisogni delle persone e facendone tesoro per elaborare le giuste strategie di crescita dei propri clienti.

Ecco cosa succede nelle aziende che utilizzano il blog. 

Tutti i numeri content marketing 

infografica-statistiche-inbound

 

Come vedi, ai primi punti dell’infografica si fa una distinzione tra contenuti utili, in lingua originale “blog post compounding”, e contenuti momentanei o “decaying”, ovvero quelli legati a uno specifico momento o di commento a una situazione che si è verificata in quel periodo e che, terminata la circostanza che li ha prodotti, terminano la loro utilità.

 

Cosa ci dicono i numeri?

  1. Che i contenuti migliori sono quelli utili 365 giorni al buyer persona, cioè quelli che si basano sullo studio dei bisogni delle persone.
  2. Che le aziende che hanno blog ottengono più lead.
  3. Che più c’è attività di content sul blog, più lead vengono generate.
  4. Che le persone si informano sempre di più online per ponderare gli acquisti (il 43% delle persone dichiara di aver letto 1 blog post)

In alcune aziende i contenuti ottimizzati SEO vengono messi in dubbio perché richiedono un investimento di tempo oppure in denaro. La necessità di avere risultati immediati spinge tante aziende nella direzione dell’ADV senza considerare che le due cose non rappresentano l’alternativa l’una dell’altra.

Anzi, quando sono presenti entrambe si rafforzano, quando ne manca una il progetto fatica di più a decollare. Se vuoi fare un confronto, abbiamo già parlato qui del rapporto tra ADV e Blog.  

Considera sempre che il tempo o il denaro investito per un blog post è per sempre: una volta creato rimane e ha potenzialità di crescita. Invece l’annuncio ADV è una passione che arde rapidamente: una volta spenta la campagna all'esaurimento del budget del tuo contenuto non ci sarà più traccia. Ognuna delle due metodologie di marketing ha un senso in base agli obiettivi dell'azienda. Quindi non c'è una tecnica giusta o sbagliata a prescindere.

Il marketing online è come una ricetta gourmet: gli ingredienti sono diversi e ognuno va dosato nel modo giusto in base al risultato finale che vuoi ottenere. Te lo spiega bene la guida all’Inbound Marketing che è il ricettario dei migliori chef inbound.

clicca-scarica-guida-inbound

Topics: Blog