<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

25 novembre 2021

Come si crea una Custom Audience Facebook e a cosa serve

Sara Finotto

Come-si-crea-una-Custom-Audience-Facebook

Hai deciso di promuovere la tua attività su Facebook ma hai paura di intercettare utenti non a target? Le custom audience ti permettono di segmentare il pubblico utilizzando delle opzioni di targetizzazione aggiuntive per aiutarti ad intercettare gli utenti che hanno interagito o utenti simili a questi ultimi.

In questo articolo parleremo di:

Prima di addentrarci nel mondo delle custom audience, c’è un primo passaggio fondamentale da seguire, per evitare di perdere parte del pubblico che ha già interagito con noi, la configurazione del pixel di monitoraggio.

Se hai attivo il pixel di monitoraggio correttamente sul tuo sito web questa è un’ottima notizia perché ti aiuterà a creare delle custom audience diversificate in base alle azioni effettuate, se non ce l’hai o sei in dubbio sulla corretta installazione, non perdiamo altro tempo, clicca qui e scopri come configurarlo correttamente "Pixel Facebook come impostarlo correttamente".

 

Come creare un pubblico personalizzato (Custom Audience)


Per ottimizzare il budget delle tue sponsorizzate, puoi partire da utenti che già conoscono il tuo sito web o la tua pagina Facebook/Instagram per questo quando crei un pubblico personalizzato hai a tua disposizione due origini:

  1. Le tue origini
  2. Le origini di Facebook

origini-custom-audience-facebook

 

Per utilizzare le origini del sito web devi aver installato il pixel di monitoraggio sul sito. Con il pixel configurato correttamente puoi creare un pubblico che si basa sulle attività dell’utente (anonimo) sul sito web. Puoi decidere di prendere tutti gli utenti che hanno visitato qualsiasi pagina del sito, oppure creare una lista segmentata di utenti che hanno visualizzato una determinata sezione/prodotto/servizio.

Un’altra funzione molto utilizzata è “elenco clienti” che ti permette di caricare un file csv (dimensione minima 1.000 contatti) per poter intercettare gli utenti che sono già nel tuo database o creare un pubblico simile che ha come base questi contatti.

In questo caso specifico, dato che stiamo utilizzando dei dati è necessario assicurarsi che i contatti siano stati acquisiti rispettando le normative GDPR. Qui un approfondimento Facebook sul trattamento dei dati per la realizzazione dell’elenco personalizzato da un elenco clienti: https://it-it.facebook.com/legal/terms/customaudience

Il pubblico simile partendo da un elenco clienti è molto utilizzato soprattutto se ci troviamo a promuovere un prodotto/servizio per il settore B2B per evitare di intercettare un pubblico troppo di massa.

Attività nell’app e offline possono essere tracciate solo se si dispone di un’applicazione o, nel caso dell’offline, se si dispone di un CRM all’interno dello shop fisico per tenere traccia di eventuali conversioni.

Le origini di Facebook sono quelle più accessibili e immediate da creare (se i tuoi account non sono appena stati creati).

Tipologie di pubblico personalizzato


Con le origini di Facebook puoi creare una custom audience di utenti che:

  • Hanno interagito con un video (puoi selezionare la percentuale di video o i secondi visualizzati).
  • Hanno interagito con un modulo per l’acquisizione dei contatti (es. aperto ma non compilato)
  • Hanno interagito con un’esperienza attiva (canvas)
  • Hanno interagito con i prodotti presenti sullo shop Facebook/Instagram
  • Hanno interagito con il tuo account Instagram
  • Hanno interagito con un evento che hai creato
  • Hanno interagito con la tua pagina Facebook
  • Hanno interagito con un annuncio che hai creato su Facebook

Dopo aver creato il pubblico personalizzato potrai selezionarlo sul tuo gestore inserzioni nel momento in cui ti trovi a definire il target.

pubblico-personalizzato-pannello


 IMPORTANTE  
Se stai già tracciando sul sito web tramite pixel di monitoraggio chi diventa contatto (track_lead) ti consigliamo di escluderlo dalla campagna.  Per farlo dovrai quindi prendere un pubblico personalizzato di utenti che hanno visto il tuo sito web e inserire come esclusione un pubblico personalizzato con origine sito web che esclude i contatti tracciati come “lead”.

Quando e perché creare un pubblico simile (LookALike)


Quando creare un pubblico simile? Come anticipato, se hai necessità di mostrare la tua sponsorizzata ad un segmento di pubblico a target con il tuo prodotto/servizio anziché utilizzare la targetizzazione per interesse puoi decidere di mostrare le tue inserzioni ad un pubblico simile a chi già ha interagito con la tua azienda.

Se crei un pubblico simile a persone che hanno visto la tua fan page, l’intenzione dell’utente sarà diversa da chi ha visitato il tuo sito web o addirittura ha già effettuato una conversione su quest’ultimo.

Dopo la creazione di almeno 1 pubblico personalizzato, Facebook ti permette di utilizzarlo come punto di partenza per creare un pubblico simile al tipo di utenti presenti in quella lista. Per utilizzare questa funzione dovrai accedere nella sezione pubblico del tuo gestore inserzioni e selezionare la voce “pubblico simile”. 

A quel punto le informazioni da inserire saranno:

  • pubblico d’origine; pubblico personalizzato che hai già creato (es. visitatori sito web)
  • luogo del pubblico; devi selezionare la nazione d’interesse
  • dimensione del pubblico; più la percentuale è bassa più il pubblico ha caratteristiche simili quindi tieni 1 e 2%

pubblico-simile-lookalike-facebook

Quando crei una campagna con pubblico simile, ricordati che le stime giornaliere o non vengono mostrate o, se visualizzate, saranno sicuramente inferiori a quelle che puoi ottenere con un pubblico basato per interessi ma non scoraggiarti. Avvia la tua campagna LAL e già dopo 24 ore sulla base della copertura e dei click ricevuti puoi già capire se l’audience è troppo ristretta o se è equilibrata.

La funzione di LookALike non è un’esclusiva di Facebook, anche LinkedIn l’ha introdotta all’interno del campaign manager, stessa cosa per Google Ads che crea in automatico dei segmenti di pubblico che si basano sulle conversioni ottenute.

Ora che hai capito come ottimizzare e creare il pubblico a target per le tue campagne non ti resta che perfezionare anche il funnel di conversione. Hai pensato alla giusta pagina di destinazione? Userai una landing page o utilizzerai un modulo nativo? È prevista una thank you page per tracciare il download di un contenuto?

Se vuoi continuare ad approfondire il tema dell’advertising non puoi perderti la guida gratuita Advertising Power in cui ho raccolto tutte le informazioni più utili per creare campagne social e Google Ads che convertono.

Clicca qui sotto e richiedi la tua copia gratuita in formato pdf. Buon advertising!

scarica la guida advertising

Topics: Facebook, Advertising



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.