<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

24 novembre 2017

6 editing tools per la realizzazione video da provare

Matteo Grigolato

6 editing tools per la realizzazione video da provare

La domanda che mi viene fatta più spesso quando dico che lavoro faccio, o quando qualcuno assiste alla creazione di un video, è: ma con che cosa lo monti?

Per chi non è del settore o non se ne intende, è una domanda legittima! Ma poiché è molto frequente, ho deciso di scrivere questo post dove ti elenco i software per l'editing, così da guidarti nella scelta di quello più adatto alle tue esigenze.

Prima di cominciare, faccio subito con un disclaimer: l'editing è solo una parte della realizzazione di un video. Per crearne uno dovresti lavorarci dietro, partendo dallo script iniziale per poi girarlo con gli strumenti adatti. L'editing è importante, ma è solo un tassello di un contesto ben più ampio.

 

 

realizzazione-video.png

 

Detto questo, qui di seguito ti elenco i 6 software più famosi, dai più semplici ai più professionali!

Ecco 6 dei migliori software per l'editing

1. Windows Foto

Direttamente nell'app foto di Windows 10, è integrato un software per il video editing: permette un editing semplice e rapido dove si possono inserire testi, audio ed effetti 3D.

Inoltre si possono settare in modo intuitivo, tutte le impostazioni base di un video come risoluzione ed aspect ratio.

windows foto video

È completamente gratuito ed è preinstallato in ogni copia di Windows 10, quindi se usi un PC probabilmente lo possiedi già. Non lo puoi installare su MacOS.


2. iMovie

È la versione lite del fratello maggiore Final Cut Pro, ed è il software gratuito e preinstallato più completo che si possa trovare su un computer. Ha tutto ciò di cui hai bisogno per sviluppare un editing di base: puoi tagliare, ridimensionare, applicare effetti e transizioni ed esportarlo nei principali formati ed estensioni.

Il tutto in un'interfaccia pulita, moderna ed intuitiva con funzioni avanzate per un software gratuito come la stabilizzazione del video ed animazioni.

imovie

È già preinstallato in tutti i Mac di Apple, ovvero con a bordo MacOS. Non è disponibile per Windows.


3. Wondershare Filmora

Un software di video editing per chi si sta avvicinando al montaggio professionale, avendo modo di poter toccare con mano strumenti più complessi rimanendo in un ambiente friendly.

Otterrai contenuti dall'aspetto professionale grazie agli innumerevoli effetti e transizioni a tua disposizione e che potrai modificare in due click.

È gratuito e tutte le funzioni sono sbloccate (compresa l'accelerazione GPU), tuttavia bisogna acquistare la licenza per rimuovere la filigrana in fase di esportazione. È comunque molto più conveniente di altri software.

Lo puoi installare sia su Windows che su MacOS e la licenza completa la trovi a partire da 44,99€ /anno. 

4. DaVinci Resolve

Nel suo curriculum, ha contribuito alla realizzazione di Agents of Shield, Blindspot e Modern Family. Questo software è molto apprezzato in tutti gli ambiti per la sua versatilità nella correzione dei colori: il controllo è molto preciso e permette addirittura l'elaborazione di file HDR.

Nonostante sia molto performante, pecca negli strumenti di editing che trovo poco robusti e a volte un po' limitanti, inoltre l'esportazione non offre tutto il ventaglio di estensioni che mi aspetterei da un software top di gamma.

DaVinci resolve

Grande plus: la versione gratuita offre tutti gli strumenti base necessari per l'editing con tutta la potenza del programma. La versione completa sblocca funzioni 3D, filtri e LUT.

Disponibile per MacOS, Windows e Linux al prezzo di 239 euro per la versione completa.

5. Premiere Pro CC

È il software più usato in ambito commerciale per la sua diffusione e quindi l'ideale in situazioni di collaborazione. 

La timeline è suddivisa in diverse righe ognuna dedicata ad una tipologia di file diversa, così andando a modificare una parte non si intaccherà l'altra.

È perfettamente integrato nella suite di Adobe e infatti dialoga con After Effects piuttosto di Illustrator o Photoshop: questo permette uno scambio continuo di file tra i vari programmi in un unico ecosistema.

La nota negativa è che questo software, oltre l'essere piuttosto difficile da utilizzare, è molto pesante e ha veramente tante, troppe funzioni tra le quali ci si perde per trovarne una specifica. Inoltre, siccome richiede molta potenza per poter funzionare bene senza intoppi, su macchine di basse e medie specifiche faticherà a rimanere performante.

Comunque, è disponibile sia per MacOS che per Windows ed è acquistabile solo tramite abbonamento alla Creative Cloud a partire da 24,39€ /mese

6. Final Cut Pro X

Ha contribuito a realizzare film come X-MEN e 300 ed è il software che uso io personalmente per la sua immediatezza: rispetto ad altri editor, infatti, il montaggio è molto più veloce e la timeline magnetica permette di non lasciare mai uno spazio nero tra una clip e l'altra.

La sua forza più grande risiede nella fluidità, nella gestione dei file e nella accuratissima fedeltà tra il prodotto in timeline durante l'editing e il prodotto finale esportato senza problemi di attesa per il rendering.

Inoltre i Keyframe permettono la realizzazione di piccole animazioni senza dover aprire un software di motion graphics.

Mancano alcuni strumenti avanzati che troviamo su altri software come il motion blur ed il motion tracking, che però si possono ottenere scaricando dei plugin

editing

Lavora molto bene insieme a Motion (alternativa Apple di After Effects, quindi motion graphics) e Logic Pro (editing audio). In fase di esportazione non offre tantissimi formati, ma si possono considerevolmente aumentare scaricando l'app Compressor.

Si trova esclusivamente sul Mac App Store di MacOS a 329,99€.

Ecco, ora che sai quali software utilizzare per editare i tuoi video, comincia subito a realizzare il tuo! Lasciaci qui sotto le tue realizzazioni e scrivi quale dei software hai usato!

Ricordati che i video forniscono la possibilità di lavorare sulla propria brand reputation, quanto e come il nome di un marchio, di un prodotto o di un servizio viene apprezzato sul web; affermando così la validità, la veridicità e la coerenza dell’azienda stessa.

Una volta creati i video riuscirai a moltiplicare le visite al tuo sito, poi non ti rimane che monetizzare questo sforzo generando contatti e clienti. I video sono molto efficaci, ma da soli non fanno miracoli se non sono inseriti in una strategia di marketing online: scopri come farlo con l’inbound marketing scaricando la guida gratuita che trovi qui sotto.

New Call-to-action

Topics: Video



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.