<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=455653424641191&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
bg_blog

22 marzo 2018

I 5 ERRORI più frequenti in una Pillar Page

Sara Finotto

I 5 ERRORI più frequenti in una Pillar Page

Come abbiamo visto qui, le Pillar Page stanno assumendo sempre più un’importanza fondamentale nel mondo del Web Marketing. Per questo occorre avere ben in mente alcuni punti chiave per la stesura di una Pillar e cercare di non incorrere in errori penalizzanti. 

Quindi, attenzione a questi 5 rischi!

I 5 Errori di una Pillar

 

1) Scegliere un TOPIC troppo specifico 

Quando si va a scegliere il topic di cui parlare, occorre scegliere un argomento vasto, in modo da riuscire a fare un inventario di questo, cioè a dividere il topic principale nei vari sub-topic che andranno poi a sua volta approfonditi nei vari post blog collegati alla Pillar Page.

Un’altra cosa importante da tenere in considerazione è quella di scegliere un argomento su cui vuoi diventare autorevole, quindi non concentrarti solo sulle singole keyword come fatto fino ad oggi.

 

2) Essere troppo dettagliati nel contenuto

Andare a trattare in modo troppo specifico un argomento all'interno della Pillar è sbagliato.

Lo scopo della Pillar è quello di andare ad attirare più traffico possibile, deve fungere quindi da panoramica generale e completa su quell'argomento.

Per il trattamento specifico dei vari sub-topic è di vitale importanza la presenza di link che rimandano a post blog che vanno a trattare l’argomento in maniera più dettagliata e accurata. 

(Non hai ancora un blog? Leggi qui perché invece dovresti averlo)

Il posizionamento dei link dà poi un segnale forte ai motori di ricerca passando loro il concetto che la pagina pilastro è autorevole su un argomento.

Con il passare del tempo la pagina si posizionerà sempre più in alto sulla Serp. Il posizionamento organico dipende infatti da: backlink, semantica e rankbrain che affronteremo nei prossimi blog post.

 

3) Strutturare la Pagina Pilastro senza pensare al Buyer's Journey

Prima di costruire le Pillar occorre avere bene impressi gli step del Buyer's journey, in modo da andare a creare per ogni step un tipo di contenuto personalizzato e poter così fornire al cliente un tipo di esperienza e trattamento legato al tipo di stadio del processo di vendita in cui è: 

  • AWARENESS, dal momento in cui una persona si rende conto di aver bisogno di qualcosa, di dover risolvere un problema o vuol migliorare una situazione già esistente 
  • CONSIDERATION, dal momento in cui inizia  a valutare le possibili soluzioni 
  • DECISION quando infine il contatto è pronto a selezionare il giusto fornitore e diventa cliente.

 

4) Scrivere troppe informazioni

Al momento dell'inventario dei sub-topic, cioè mentre dividiamo l’argomento principale nei vari sotto-argomenti, dovranno essere solo citati nella Pillar e affrontati in modo più approfondito nei vari blog post.

Occorre che la relazione tra argomento e sub-argomento non sia una relazione forzata, ma deve essere abbastanza scorrevole e logica: se l’utente è particolarmente informato ed interessato a quel tipo di sub-topic andrà a leggerlo.

Quindi evita qualsiasi tipo di forzatura per cercare di incastrare un tema che magari non sia inerente a quello da trattare.

 

5) Togliere ogni possibilità di navigazione

HubSpot ha analizzato che un utente dedica alla lettura di una pillar page un lasso di tempo di circa 7 minuti.

Ecco perché, data la lunga struttura della pagina è di vitale importanza il posizionamento di anchor e shortcuts all’interno del testo, in modo da favorire la ricerca dell’utente e portarlo così direttamente alla risposta al suo bisogno.  

Questi sono i 5 errori più frequenti nella costruzione della Pillar page.

Un altro errore è considerare la Pillar Page come singolo elemento, quando invece deve essere compreso nella tua strategia di marketing.

Scopri subito qual è la miglior strategia che non solo ti fa arrivare primo su Google, ma ti fa anche ottenere contatti!

scarica la guida inbound

Topics: SEO



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.