bg_blog

13 ottobre 2022

Come Eliminare Google Analytics 3 Universal

Sara Finotto

Come-Eliminare-Google-Analytics-3-Universal

Il Garante mette alle strette Google Analytics creando grandissimo scompiglio nel settore Digital. Secondo quanto riferito da Google Analytics, GA è installato su più di metà di tutti i siti web perché dal 2005 ad oggi è stato uno strumento gratuito utile ad imprenditori e marketing manager per avere informazioni sul traffico e conversioni online.

FederPrivacy, federazione di riferimento per la Privacy a livello italiano ha confermato la necessità del passaggio su GA4 in quanto i 90 giorni definiti dal Garante della Privacy italiana per mettersi in conformità sono scaduti.

Indice degli argomenti:
  1. Google Analytics 3; che succede?
  2. Google Analytics 4 e GDPR
  3. Quale script è presente sul tuo sito web?
  4. Come rimuovere l'account di Google Analytics 3 / Universal
  5. Valutazione d’impatto (DPIA) e GA 4
  6. Passa da un’analisi di dati ad un’analisi di business

 

#1 Google Analytics 3; che succede?


Per aiutarti ad approfondire il tema Google Analytics abbiamo deciso di scrivere questo articolo di approfondimento, con un focus più tecnico. Partiamo col dire che il provvedimento del Garante riguarda la versione Google Analytics Universal (3) che è profondamente diverso con Google Analtytics 4. 

Google aveva già annunciato l’abbandono della versione 3 con deadline prevista per luglio 2023 e quindi il Garante ha accelerato drasticamente questo passaggio. Cerchiamo di capire quali sono le differenze di questi due tools. Le differenze tra questi due sistemi di analisi si basano sul modello di analisi poiché la versione 3 traccia le sessioni mentre GA 4 traccia gli eventi.

differenze-google-analytics

 

Google Analytics 4, grazie al machine learning, è uno strumento predittivo che utilizza dati quantitativi per fornire numerose informazioni come:

  • Quali azioni gli utenti compiono all’interno del sito web
  • In che momento si sono verificate queste azioni
  • Da dove provengono gli utenti
  • Quanto è il tempo di engagement degli utenti sul sito
  • In quale pagina si sono verificate le azioni

Il modo in cui i dati di GA4 sono strutturati e salvati è di tipo event-centric (basato sugli eventi) nel momento in cui configuriamo un account Analytics GA4 all’interno della sezione “Stream di Dati” possiamo scegliere quali sono gli eventi che vogliamo monitorare di default (vedi immagine) e decidere se crearne di personalizzati.

Per monitorare quali eventi base sono stati attivati sul tuo sito web, segui questo percorso:
Amministrazione > stream di dati > stream del sito > avanzate.

amministrazione-GA4

 

 

#2 Privacy in Google Analytics 4

 

L’indirizzo IP dell’utente non viene salvato ed è questa la funzionalità che rende la versione 4 compliance con le normative legate al GDPR.

privacy-eu-ga4

Discorso diverso per Google Signals perché questa funzione può essere attivata da pannello di configurazione e quindi sta a chi gestisce l’account di Google Analytics accertarsi che sia disattivata.

Google Signals è la funzionalità che ti permette di agganciare l’utente registrato (e loggato) su Google in fase di navigazione. In questo modo Signals è in grado di tracciare in modo univoco e anonimo il percorso di navigazione dell’utente sul tuo sito web da più dispositivi digitali (pc, smartphone, tablet).

google-signals

Altra funzione da disabilitare sempre all’interno delle impostazioni > raccolta dati è la raccolta dei dati granulari su località e in base all’area geografica.

Google Analytics 4 raccoglie tutti i dati UE attraverso domini e server Europei prima di inoltrare il traffico ai server per l’elaborazione.

 

#3 Quale script è presente sul tuo sito web

La soluzione più corretta è quella di disattivare il servizio Universal 3 il prima possibile. Per controllare se nel tuo sito web è ancora presente lo script universal, dopo aver visitato il tuo sito web, cliccando con il tasto destro su “sorgente pagina” puoi verificare in autonomia questa informazione.

CTRL + F per avviare la ricerca rapida e, se presente, potrai riconoscere GA3/Universal dalla stringa in cui è presente il codice
UA-XXXXXX-2

Esempio codice Google Analytics 3

script-ga3

Esempio codice Google Analytics 4

script-ga4

Il codice di Google Universal 4 è diverso, puoi riconoscerlo dal tag che inizia con G-XXXXXX (vedi immagine sopra) ma devi considerare che, se questo script viene gestito tramite altri software come Google Tag Manager, quest'ultimo non viene mostrato a livello di codice. Se ti dovessi trovare in questa situazione ci sono delle estensioni per Chrome come ad esempio Tag Assistant Legacy di Google ti permettono di capire il tipo di script installato. 

https://chrome.google.com/webstore/search/Tag%20Assistant%20Legacy?hl=it

Per continuare ad utilizzare questo strumento senza investire in altri strumenti specifici per l’analisi dei dati, è confrontarsi con un DPO per poter adottare azioni e misure richieste dal GDPR per giustificare l’uso di uno strumento come Google Analytics 4.

 

#4 Come rimuovere Google Analytics 3 Universal

 

La prima azione da compiere è la rimozione del codice di monitoraggio dal tuo sito web. Successivamente, per eliminare un ACCOUNT all'interno della dashboard di Google Analytics dovrai spostandolo nel cestino devi avere almeno il ruolo di Editor. Quando sposti l’account nel cestino vengono spostate anche tutte le proprietà associate.

Accedi a Google Analytics, clicca su “Amministrazione” > Account > Impostazioni Account e successivamente cliccare sul
pulsante “Sposta nel Cestino” in alto a destra.

A questo punto tutti gli utenti che hanno il ruolo Amministratore ricevono una mail in cui viene indicato che l’account è stato contrassegnato per l’eliminazione.

eliminare-account-analytics3

Importante: l'account e tutte le proprietà e le viste al suo interno verranno eliminate definitivamente entro 35 giorni (i backup di dati mensili vengono cancellati dopo 84 giorni). Una volta eliminato, l'account viene cancellato in modo definitivo e non possiamo più recuperare i dati storici né ripristinare i report.

 

 

#5 Valutazione d’impatto (DPIA) e GA 4

Una DPIA è una valutazione di impatto sulla protezione dei dati per garantire e dimostrare compliance ed elaborata direttamente dal titolare del trattamento. E’ una valutazione in cui si assicura trasparenza e protezione nelle operazioni di trattamento dei dati personali. Un modo per evitare problemi con GA è basare la raccolta dei dati sul consenso esplicito piuttosto che sul legittimo interesse. Un’altra opzione meno nota è proprio quella di eseguire una DPIA.

Quando utilizzi GA, i tuoi dati vengono archiviati su un cloud pubblico selezionato casualmente situato negli Stati Uniti, nell'UE o in Asia. Con la versione freemium del software, non puoi davvero scegliere dove andranno a finire i tuoi dati.

Supponiamo che Google decida di archiviare i tuoi dati su server negli Stati Uniti. Per garantirne la sicurezza, Google Analytics applica il framework Privacy Shield, uno standard sulla privacy ampiamente noto per il trasferimento di dati tra l'Europa e gli Stati Uniti.

10.2 Trasferimenti di dati fuori dal SEE e dalla Svizzera. Google garantirà che:
(a) la società madre del gruppo Google, Google LLC, rimanga autocertificata ai sensi del Privacy Shield per conto proprio e delle sue consociate statunitensi interamente controllate; e
(b) l'ambito della certificazione Privacy Shield di Google LLC include i Dati personali dei clienti.

Sebbene il GDPR non vieti di archiviare i dati al di fuori dell'UE, impone standard di sicurezza molto elevati per i database offshore. Il Privacy Shield, a sua volta, è stato criticato sin dal suo inizio e molte rinomate organizzazioni, tra cui il Parlamento Europeo, avvertono che non fornisce un livello di protezione adeguato.

Struttura di una DPIA:

  • Descrizione sistematica del trattamento
  • Valutazione della necessità e della proporzionalità
  • Gestione dei rischi per i diritti e le libertà degli interessati
  • Individuazione delle fonti di rischio
  • Comprensione e valutazione dell’impatto
  • Definizione di possibili minacce e valutazione della loro probabilità
  • Valutazione del rischio combinando impatto e probabilità di accadimento della minaccia
  • Determinazione delle misure previste per gestire i rischi

 

#6 Passa da un’analisi di dati ad un’analisi di business

Oltre a mantenere la versione di Google Analytics 4 per tracciare nel dettaglio il traffico sul tuo sito web, per avere una panoramica completa su quelle che sono le attività di marketing che hanno generato maggiore Revenue uno strumento completo è HubSpot. Questo software di marketing automation oltre ad avere un tool nativo di Analytics, ha il data center che si trova in Europa e ti permette di avere sotto controllo tutta la tua attività online e offline.

Con HubSpot oltre a tracciare la singola conversione hai controllo completo sui Deal generati, sui Customer e sul ROI di tutte le attività di marketing online.

confronto-hs-google

 

Un’analisi a livello globale in cui puoi monitorare il rendimento di tutti gli asset che hai creato nel tempo (adv, blog post, call to action, email, landing page, social, website pages). Vuoi saperne di più su HubSpot per analizzare il tuo business? Mettiti in contatto con noi.

Oltre a continuare a rimanere in attesa del provvedimento definitivo del Garante in merito a Google Analytics, con questo articolo abbiamo cercato di darti informazioni aggiuntive su come continuare a gestire Google Analytics 4 in modo corretto.  Vuoi capire come passare da un'analisi di dati ad un'analisi completa lato web, marketing e sales?

Scarica la guida gratuita e scopri come monitorare in modo corretto ogni singola attività di marketing analizzando tutti i touchpoint grazie ad HubSpot. 

New call-to-action

Topics: Analytics



Iscriviti al blog!

Resta aggiornato sulle ultime tendenze dell'Inbound Marketing e di Hubspot.